The Party: la raffinata intelligenza dell’ironia e del cinismo

Resto seduta ancora qualche minuto dopo i titoli di coda, in una sala quasi vuota, sorpresa e ammaliata. Come ho potuto farmi sfuggire The Party appena uscito? E’ straordinario. Sono stata io distratta o non ha catalizzato la mia attenzione perché vengono promossi film più commerciali o con maggiore visibilità per via di premi vinti o di nomi altisonanti fra gli attori o i registi? Per fortuna, è proprio il caso di dirlo, complice la programmazione cinematografica estiva che ripropone i film della scorsa stagione, l’ho visto.

Scritto come se si trattasse di una piece teatrale, ma con tutta la meraviglia che può regalare il cinema, questa commedia non solo è interpretata da attori strepitosi, ma i dialoghi sono tanto intelligenti e scritti bene che di frasi che da sole valgono la visione del film ce ne sono davvero parecchio. Come poche volte capita.

Quanto siamo egocentrici…. e fragili, bisognosi di amore, presuntuosi, arroganti, insensibili, deboli, meschini. Ce lo racconta magistralmente Sally Potter in questa commedia in bianco e nero.

Cosa fareste se riusciste a ottenere un prestigioso incarico politico per cui avete lavorato sodo tutta la vita? Probabilmente dareste una festa, invitando gli amici più cari, magari a casa vostra. Ed è questo il motivo per cui i protagonisti della commedia si ritrovano. L’azione si svolge nel giro di poche ore. In quell’arco di tempo si passa dalla gioia per il successo alla disperazione per delle scoperte drammatiche. Sette persone legate fra loro da segreti, bugie e intrighi,  ci confermano che nulla è come sembra. E a tramare alle spalle sono proprio le persone che dovrebbero essere alleate.

Quante bugie si dicono nelle relazioni d’amore? E nelle amicizie? Tradimenti, sotterfugi, compromessi che stanno stretti, ripicche. Quanta strafottenza c’è in chi si schiera senza riserva da una parte, guardando dall’alto in basso chi la pensa diversamente? Viviamo così, cercando di giustificarci di fronte alle nostre debolezze. Mentendo a noi stessi e agli altri.

Giusto qualche ora prima di vedere questo film, così cinico, ironico e realista al tempo stesso, ho letto una frase tratta dal Faust di Goethe che calza a pennello: «Ciò che non tocchi, per te è lontano miglia; ciò che non afferri, per te è interamente perso; ciò che non capisci credi che non sia vero; ciò che non pesi, per te non ha peso; ciò che non hai fatto tu, sei sicuro che sia contraffatto».

Ah quanto sono piccoli e buffi gli esseri umani!

Titolo: The Party – Regia di Sally Potter – Cast: Kristin Scott Thomas, Timothy Spall, Patricia Clarkson, Bruno Ganz, Cillian Murphy – Genere Commedia – Paese/anno di produzione: Gran Bretagna, 2017